Frimm sostiene la prima edizione del Master di II livello “Diritto e Gestione della proprietà immobiliare pubblica e privata” organizzato dall’Università Europea di Roma

Frimm ha attivato una partnership sul fronte della formazione e dell’impiego con l’Università Europea di Roma decidendo di sostenere la prima edizione del Master di II livello intitolato “Diritto e Gestione della proprietà immobiliare pubblica e privata” che comincerà il prossimo 16 dicembre per concludersi a giugno 2012.

L’obiettivo della partnership con l’Ateneo di via degli Aldobrandeschi è quello di portare l’azienda a contatto con i giovani che desiderano formazione di alto livello inerente al real estate e finalizzata all’inserimento nel mondo del lavoro legato al settore immobiliare: i partecipanti che conseguiranno una votazione finale non inferiore a 60/70 potranno infatti accedere a stage semestrali nelle aziende della Holding.

Il Master oggetto della partnership ha il fine di formare dei professionisti da impiegare nel settore della proprietà pubblica e privata e, in particolare, nelle imprese di costruzione, nel settore del trading e della gestione immobiliare di patrimoni, nelle società d’investimento, nei fondi immobiliari come nelle aziende di property e facility management (anche in quelle che si occupano anche di due diligence), nell’amministrazione di condomini, in sezioni, uffici o dipartimenti preposti alla gestione patrimoniali presso enti pubblici e privati e nel settore della consulenza privata. 

Negli ultimi anni, in effetti, il mercato ha cominciato a richiedere un elevato grado di specializzazione da parte di tutti coloro che gestiscono patrimoni immobiliari pubblici e privati, sia nel settore giuridico-economico sia in quello propriamente manageriale. Ed è in questo senso che il Master vuole intervenire.

L’esperienza di Frimm nel trading immobiliare, nella gestione di patrimoni e di cantieri ha reso l’azienda il partner perfetto per dare uno sbocco pratico alle 296 ore di didattica frontale, ai seminari e ai workshop a cui parteciperanno gli allievi.

“La complessità normativa del settore immobiliare e gli scenari di investimento e gestione ormai globalizzati hanno creato l’esigenza di avere in azienda dei professionisti in grado di adottare scelte strategiche in ordine agli asset immobiliari che abbiano piena consapevolezza dello scenario normativo interno, comunitario e internazionale nonché delle tecniche di ottimizzazione e gestione dei patrimoni immobiliari”, spiega Roberto Barbato, presidente di Frimm e primo sostenitore dell’iniziativa.

“Ma non si tratta di una professionalità vaga e con competenze non specifiche. Tutt’altro. Le aziende del real estate italiano ed europeo cercano sempre più dei professionisti come sopra descritti, in grado di operare in tutte le realtà di gestione di portafogli immobiliari. L’amministrazione del condominio, l’esercizio di aziende di trading o di costruzione, così come la costituzione e gestione di un trust implicano una solida formazione giuridica e la capacità di attivare strategie di property e facility management funzionali all’ottimizzazione dei rendimenti degli asset immobiliari”.

È per questo che il Master è articolato in sette moduli generali – Diritto Costituzionale, Diritto Privato, Diritto Amministrativo, Diritto Tributario, Diritto  dell’Unione Europea, Diritto Privato Comparato e Gestione dei Portafogli Immobiliari – attraverso i quali viene esaminata la disciplina della proprietà in ciascuno dei profili giuridici rilevanti, al fine di consentire una formazione completa e approfondita nella gestione dei patrimoni.

Scarica il comunicato stampa in .pdf

Il ValuCasa 2.0 supera le 120.000 valutazioni

Presentato ufficialmente lo scorso 19 settembre, il nuovo ValuCasa del network Frimm, l’unico strumento di rilevazione dei prezzi al metro quadro che offre esclusivamente le valutazioni in real-time degli agenti immobiliari per ogni via e numero civico d’Italia, ha già superato i 120.000 inserimenti (sono 121.761 nel momento in cui si scrive).

In poco più di un mese, dunque, il sistema ideato dal presidente dell’azienda Roberto Barbato e studiato per mettere in primo piano l’agente immobiliare e il suo lavoro, è in grado di dare risposte a un ampio numero di utenti. “L’obiettivo che ci eravamo prefissati nel brevissimo termine è stato raggiunto ma il vero lavoro comincia adesso”, spiega lo stesso Barbato. “Ora puntiamo a 1.000.000 di valutazioni inserite e a creare delle mappe isoprezzo per le grandi città in modo da far orientare ancora meglio l’utente”.

La maggior parte dei prezzi al mq inseriti nel ValuCasa sono relativi alle zone in cui il network Frimm è maggiormente sviluppato ovvero Lazio, Campania, Sicilia, Calabria, Piemonte, Emilia Romagna Lombardia e Puglia. “Il sistema è gratuito anche per gli agenti immobiliari iscritti al ruolo che non fanno parte della nostra rete – continua Barbato – e infatti stanno arrivando segnali interessanti anche da altre aree d’Italia. Il web ci sta dando una grossa mano nella diffusione del progetto grazie alla fan page appena attivata su Facebook, ai blog e ai forum che ne parlano e al passaparola”.

L’obiettivo finale è quello di creare un database di valutazioni al mq originale e unico, aggiornato in tempo reale e che possa essere consultato dagli operatori stessi, da chi cerca e vende casa, dai Media, dai periti delle banche e da tanti altri professionisti tramite il semplice indirizzo web www.valucasa.com.

“Per gli agenti immobiliari è il momento per far sentire la loro voce e dare rilevanza alla loro professionalità”, spiega il presidente di Frimm. “La particolare congiuntura economica ha cambiato faccia al mercato: gli operatori che sapranno abbracciare questo cambiamento, sfruttandolo per crescere professionalmente, non soltanto supereranno la crisi con successo ma si avvicineranno sempre di più a venire considerati come dei professionisti di alto livello come i commercialisti o gli avvocati. Senza contare che presto il mercato smetterà di rallentare e si stabilizzerà su un certo quantitativo di compravendite, molto probabilmente in linea con quelle registrate tra il 1990 e il 2001. E il prezzo diverrà la variabile più importante in assoluto nella riuscita di una transazione. Gli agenti immobiliari e i privati che metteranno in vendita la propria casa non potranno permettersi di sbagliare la valutazione al metro quadro e dovranno sempre specificare il prezzo congruo”.

Ricordiamo che per restituire il dato più reale possibile gli agenti immobiliari devono rispondere alla seguente domanda al momento di inserire dati nel ValuCasa: “A quale prezzo al mq venderesti nel prossimo trimestre un appartamento di 70 mq in buone condizioni, libero e posto al piano medio in questi indirizzi? (oppure un ufficio o un negozio)”. L’operatore, che avrà automaticamente sul suo computer l’elenco delle vie del proprio C.A.P., potrà specificare se il prezzo al mq indicato si riferisce a un immobile residenziale, commerciale oppure a un ufficio.

Per informazioni: valucasa@frimm.com