Arriva MLS REplat3: Frimm saluta il 2012 con la presentazione del nuovo Multiple Listing Service

I prossimi 19 e 20 dicembre, a Napoli e Roma, il Gruppo Frimm Holding ospiterà due eventi speciali ricchi di sorprese: su tutte, la presentazione di MLS REplat3, la nuova piattaforma online di condivisione immobili che punta ai clienti e che dal 2013 andrà in dotazione a tutti gli agenti immobiliari del network

logo re3“Frimm e MLS REplat ti portano a caccia di clienti”: è con questo spirito che il prossimo 19 dicembre a Napoli e 20 dicembre 2012 a Roma, Frimm presenterà al suo network la sua nuova piattaforma di condivisione immobili, MLS REplat 3.

MLS REplat 3 arriva al termine di un anno ricco di importanti cambiamenti per la Holding guidata dal presidente Roberto Barbato, che interverrà a entrambi gli appuntamenti: fra gli altri, il distacco dal concetto di franchising immobiliare in luogo di una definitiva svolta verso società di servizi per agenzie immobiliari.

Ma la novità regina di questi due appuntamenti che si terranno, rispettivamente, all’Hotel Royal Continental di Napoli e presso la prestigiosa sede romana di Unicredit Banca, alla presenza, tra gli altri, di due tra i più importanti formatori italiani, Roberto Re (all’evento napoletano) e Sergio Borra (a Roma), è certamente la presentazione di MLS REplat3, la nuova piattaforma online di condivisione immobili che dal 2013 andrà in dotazione a tutti gli agenti immobiliari del network.

Il nuovo Multiple Listing Service creato da Frimm, completamente rinnovato e incentrato sulle richieste, verrà rilasciato a fine gennaio: immaginato sulla base delle esigenze e delle proposte giunte direttamente dagli agenti immobiliari che lo utilizzano, è stato dotato di tante nuove funzionalità come il gestionale e il sincronizzatore degli annunci sui principali portali immobiliari e su Facebook. Vediamone alcune nel dettaglio.

MLS REPLAT3: ecco le nuove Features

Grafica & usabilità: nuove icone, menù, widget e tanto altro; la veste grafica di MLS REplat 3 è stata completamente rinnovata. Lo stesso dicasi per la facilità di utilizzo della nuova interfaccia: immaginata per venire incontro alle esigenze delle agenzie.

Progetto Tipologie: MLS REplat 3 sarà incentrato su una più coerente e precisa catalogazione degli immobili, delle richieste e della specializzazione di ogni singola agenzia.

Sincronizzazione con portali immobiliari: MLS REplat 3 darà la possibilità di pubblicare gli annunci immobiliari dell’agenzia sui maggiori portali italiani.

Calendario sincronizzabile: il calendario di MLS REplat 3 si potrà sincronizzare con Google Calendar e Microsoft Exchange.

Pagina MLS personalizzabile: la nuova homepage del sistema MLS REplat 3 è completamente personalizzabile dall’agenzia, che sceglie cosa vedere e cosa non vedere.

Filtri: il sistema di filtri per la ricerca è stato potenziato con nuove voci selezionabili contemporaneamente.

Virtual tour su youtube: direttamente da MLS REplat 3 l’utente avrà possibilità di caricare il link del tour virtuale dell’immobile dal portale youtube.com.

Condivisione su Facebook: con MLS REplat 3 è possibile condividere la scheda immobile direttamente su Facebook.

Nuovo gestionale dei contatti: grazie al nuovo software gestionale l’agenzia potrà lavorare partendo direttamente dal contatto.

 

Per scoprire MLS REplat 3:

Napoli | 19 dicembre 2012 | ore 10.00 – 13.30 | Hotel Royal Continental (via Partenope 32/44 – 80121)

Roma | 20 dicembre 2012 | ore 10.30 – 13.30 | Direzione generale Unicredit (via U. Tupini 180 – 00144)

Mercato Immobiliare: compravendite e mutui negli archivi notarili

mercato immobiliareDai dati sulla statistica notarile emerge che nel secondo trimestre 2012 le compravendite di unità immobiliari sono 167.721. il 93,3% delle convenzioni (156.552) riguarda immobili per abitazione, il 5,9% (9.816) unità immobiliari ad uso economico. Rispetto al secondo trimestre 2011, le compravendite di immobili ad uso residenziale diminuiscono del 23,6 e quelle di immobili ad uso economico del 24,8%.

Tratto da infobuild.it

clicca per leggere l’articolo

Investimenti esteri sul mattone italiano in crescita: + 53% in sette anni

incremento immobiliareSe gli italiani sono sempre più restii all’acquisto di una casa, c’è un numero crescente di stranieri che sta investendo sul mattone italiano.
Un report di scenari immobiliari assicura che nel 2012 sono state 4600 le famiglie estere che hanno acquistato un immobile residenziale in Italia, contro le 3000 del 2005.
Un incremento superiore al 53% al quale si aggiunge anche l’aumento dell’importo medio investito: da circa 245.000 euro del 2005 ai 455.000 di quest’anno.

Tratto da Monitor Immobiliare

clicca qui per leggere l’articolo

La ricetta dei “covered bond” può aiutare l’immobiliare

mercato immobiliare In diversi Paesi europei il settore e la finanza immobiliare godono di ottima salute: non solo per il minor rischio-paese percepito dagli investitori rispetto a quello italiano, ma almeno per altre tre ragioni.
In primo luogo, in altri stati UE le compagnie di assicurazione stanno finanziando direttamente il settore immobiliare senza incontrare le resistenze che la normativa italiana oppone al loro ingresso.

In secondo luogo, alcune banche europee sono riuscite a sconfiggere il senso di sfiducia verso e tra le banche – che in Italia, di fatto, blocca la provvista sul mercato interbancario – utilizzando strumenti che riducono ai minimi termini sia il “rischio banca”, sia i passaggi tra gli investitori e l’oggetto reale dei loro investimenti.

In Germania le banche, infatti, continuano a utilizzare con successo come provvista per le operazioni di finanziamento immobiliare le Pfandbriefe, il più antico esempio di cartella fondiaria (il meccanismo fu perfezionato nel 1770 nella regione della slesia a seguito di una gravissima crisi determinata dal primo conflitto globale, la guerra dei sette anni).

Anche in Italia, dall’inizio del secolo scorso e sino alla metà degli anni settanta avevamo le nostre Pfdandbriefe: si tratta delle “cartelle fondiarie”…

Tratto da il Sole24 0re

clicca per leggere l’articolo