Fase 2: il 4 maggio riaprono le agenzie immobiliari. Consigli per lavorare in sicurezza

Ci siamo. Il prossimo 4 maggio le agenzie immobiliari possono alzare la saracinesca e riprendere la propria attività. La conferma è contenuta nel decreto (DPCM 26 aprile 2020) che il Governo ha presentato proprio oggi, 27 aprile e che ha inserito il codice Ateco 68, quello che ha a che fare con le attività immobiliari. Al comma 9 dell’articolo 2, il nuovo decreto specifica addiruttura che “le imprese che riprendono la loro attività a partire dal 4 maggio 2020, possono svolgere tutte le attività propedeutiche alla riapertura a partire dalla data del 27 aprile 2020”. Un’ottima notizia per tutti gli agenti immobiliari arrivata a seguito dell’impegno della consulta interassociativa Fiaip-Fimaa-Anama che nei giorni scorsi aveva ben evidenziato come l’intermediazione immobiliare rientrasse tra le attività a “basso”  livello di rischio.

C’è un protocollo di sicurezza che gli agenti immobiliari devono seguire per procedere alla riapertura e mantenere un’attività sicura e protetta?
«L’apertura delle agenzie avverrà con senso di responsabilità, nel massimo rispetto delle misure precauzionali igienico-sanitarie e di sicurezza sia negli ambienti di lavoro che nello svolgimento delle attività a tutela della salute pubblica», si legge nella nota della consulta interassociativa.

Ma cosa significa nella pratica? Un protocollo di sicurezza specifico per le agenzie immobiliari non esiste al momento ma possiamo provare a delinarlo utilizzando il buon senso e rifacendoci alle linee guida contenute tanto nel nuovo decreto del 27 aprile quanto nelle varie guide circolate finora come quelle dell’OMS, del Ministero dell Salute e delle Associazioni di Categoria.

Le regole che consigliamo di seguire all’interno dell’agenzia immobiliare e nello svolgimento dell’attività
Nel riaprire la propria agenzia immobiliare e nello svolgimento dell’attività, consigliamo di seguire queste regole:

  1. Tutto lo staff dell’agenzia deve lavarsi spesso le mani e nei bagni ci dovrebbe essere un cartello apposito che invita a farlo
  2. L’agenzia deve mettere a disposizione idonei mezzi detergenti per le mani; il gel disinfettante a base di alcol deve essere a disposizione sia per gli Agenti sia per i clienti all’interno dell’agenzia e deve essere sistemato in entrata. In caso di incontro, infatti, il cliente deve igienizzarsi le mani all’ingresso, perché è necessario che la procedura avvenga prima di accedere agli ambienti interni dell’Agenzia
  3. Tutto lo staff dell’agenzia deve usare la mascherina (ricordiamo che le mascherine migliori sono di tipo Ffp3 senza valvola ma vanno bene anche quelle chirurgiche)
  4. Le persone all’interno dell’agenzia devono mantenere la distanza di almeno un metro tra di loro (possibilimente con adozione di strumenti di protezione individuale come mascherine, appunto, ma anche divisori e parafiati in plexiglass)
  5. Non devono crearsi assembramenti, quindi si consiglia di incontrare i clienti solo su appuntamento facendo accedere persone in agenzia in maniera proporzionale all’ampiezza dei locali
  6. Il titolare dell’agenzia incentiva le operazioni di sanificazione nel luogo di lavoro
  7. Qualsiasi eventuale appuntamento in loco ovvero presso l’indirizzo dell’immobile da visitare va effettuato con materiale ad hoc: mascherina, occhiali protettivi, guanti e proteggi-scarpe
  8. Il titolare dell’agenzia incentiva lo smart working e gli appuntamenti virtuali (telefono, videochiamata, chat).
  9. Digitalizzare il più possibile la documentazione immobiliare per le trattative di locazione e vendita
  10. Utilizzo di postazioni singola senza la condivisione di telefoni e PC.

Con l’ottima notizia della riapertura delle agenzie immobiliari c’è però anche qualche dubbio che rimane. Dal 4 maggio, infatti, le persone potranno effettivamente spostarsi solo per esigenze urgenti, di tipo lavorativo, o per visite ai parenti, o per attività motoria. Un appuntamento di vendita diventa improbabile perché si dovrebbe entrare in casa di altri col proprio cliente, casistica che non sembra figurare tra quelle elencate (potrebbero esserci nuove indicazioni in merito nei prossimi giorni).

Al contrario, la visita di acquisizione potrebbe invece essere considerata come un’esigenza lavorativa, così come non dovrebbe essere problematica la visita a una casa vuota che si vuole affittare o vendere.

Ricordiamo che tutti gli agenti immobiliari FRIMM, REplat e Agent RE trovano offerte dedicate sui materiali di prevenzione brandizzati per la propria agenzia e il proprio staff nella loro area riservata.

Clicca qui per scaricare il protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali

_____________________________________

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.