Acquisto della casa, da gennaio nuove aliquote

Acquisto casa agevolazioni fiscali

Rivoluzione su imposta di registro e altri tributi. Chi guadagna e chi no
Comprare un appartamento, il sogno nel cassetto di tanti italiani, da gennaio potrebbe diventare meno costoso in alcuni casi ma più caro in altri. Sono le novità introdotte di recente e che pertanto è sempre bene conoscere per tempo..

Imposte rimodulate
Prima di partire in questa cavalcata tra le novità, occorre precisare che le imposte sull’acquisto di un immobile sono piuttosto variegate come dicono alcuni o piuttosto complicate come dicono altri. Esistono infatti diversi regimi di tassazione, con imposte ed aliquote differenti tra loro, a seconda di cosa si acquista, prima casa, seconda casa, terreno, ecc. e a seconda di chi sia il venditore, privato, impresa etc. Cercheremo perciò di concentrarci su alcune precise casistiche rinviando l’esame delle altre ai prossimi articoli.

Tratto da Il Messaggero

Clicca qui per leggere l’articolo

Iva, inevitabile l’aumento da martedì

tasseA meno di sorprese dell’ultima ora, martedì 1 ottobre l’aliquota Iva del 21% salirà a quota 22%. I venti di crisi hanno risucchiato il decreto legge preparato dal ministero dell’Economia per posticipare di altri tre mesi (a fine anno) il balzello fiscale sui consumi già più volte rinviato. Il testo non è stato infatti esaminato nel tumultuoso Consiglio dei ministri di venerdì sera per la decisione del presidente del Consiglio, Enrico Letta, di bloccare qualsiasi provvedimento economico e di procedere prioritariamente con un chiarimento politico in Parlamento per verificare la tenuta della “strana maggioranza”.

Un chiarimento che dovrebbe avvenire martedì 1° ottobre azzerando così i residui margini per un via libera al decreto sul filo di lana (lunedì), chiesto ancora ieri…

Tratto da Il Sole24 Ore

clicca qui per leggere l’articolo

Segnali di risveglio dell’immobiliare: rallenta il calo delle compravendite

mercato immobiliare“Decelera il trend negativo del mercato immobiliare italiano nel secondo trimestre dell’anno”. È uno dei dati contenuti nella nota trimestrale dell’Omi (Osservatorio mercato immobiliare) relativa al periodo aprile-giugno 2013, che disegna la mappa delle cessioni immobiliari nel nostro paese, tratteggiando perdite più contenute al nord della penisola, con Milano in testa tra le grandi città meno “investite” dal trend negativo.

“Con una flessione degli scambi del 7,7% – si legge nell’osservatorio – rispetto allo stesso periodo del 2012, il volume delle compravendite immobiliari si attesta a quota 242.817. E recupera più di sei punti percentuali rispetto alla contrazione del 13,8% registrata nei primi tre mesi di quest’anno”. I dati sono stati illustrati oggi nel corso di una conferenza stampa, presso la sede centrale dell’agenzia, presieduta dal vicedirettore delle entrate, Gabriella Alemanno, e dal direttore centrale Gianni Guerrieri.

Tratto da il Sole24Ore

Clicca qui per leggere l’articolo

Edilizia sostenibile: la nuova frontiera per il mercato immobiliare

Foto Convegno Future Now“L’edilizia sostenibile è la risposta concreta all’attuale mercato immobiliare”. Ha così dichiarato Antonio Stragapede, architetto e consulente Centro di Fisica Edile (CFE), in occasione della mostra-convegno “FutureNow 013 – il futuro delle costruzioni” (www.futurenowevents.it) che, organizzato dal CFE Centro di Fisica Edile di Gravina in Puglia, si è svolta oggi a Foggia presso il palazzo della Provincia di Foggia. “Il ruolo del settore edilizio – ha continuato Stragapede – è essenziale per favorire la ripresa del sistema economico nazionale e locale. Per questo stiamo lavorando concretamente nella definizione di parametri legati alla qualità e all’innovazione da introdurre nella filiera delle nuove costruzioni”.

Tratto da il Sole24Ore

Clicca qui per leggere l’articolo

Immobiliare, riparte il settore uffici, industriale e retail

ImmobiliareGli investimenti in Italia nei settori uffici, retail e industriale nel primo semestre 2013 hanno registrato un incremento del 54%, se comparati allo stesso periodo dell’anno precedente. Secondo i dati di Cushman & Wakefield, il volume totale degli investimenti ha raggiunto 760 milioni di euro, rispetto ai 495 milioni registrati nello stesso periodo del 2012.

Tratto da Italia Oggi

Clicca qui per leggere l’articolo

Con la rendita immobiliare non si fa business in Sicilia

SiciliaI dati del rapporto “Gli immobili in Italia 2012” a cura del Dipartimento Finanze, ministero Economia. Nell’Isola il valore complessivo del patrimonio residenziale è di 353,6mld di euro.
Avere un tetto sulla testa è una necessità basilare per ogni essere umano. Quanto poi sia esteso questo tetto, quanto valga e quanto costi mantenerlo è cosa che varia da contesto a contesto. Lo ha rilevato lo studio “Gli immobili in Italia 2012” ultima versione del gennaio 2013, a cura del Dipartimento Finanze del Mef dal quale emergono dati assai diversificati tra le varie regioni italiane.

Tratto da Il Quotidiano di Sicilia

Clicca qui per leggere l’articolo

Secondo Istat i prezzi delle abitazioni continuano a calare

crisi immobiliareTratto da Tecnoborsa

Nel I trimestre 2013, secondo le stime preliminari dell’Istat, l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie sia per fini abitativi sia per investimento registra una diminuzione dell’1,2% rispetto al trimestre precedente e del 5,7% nei confronti dello stesso periodo del 2012. Il calo congiunturale del I trimestre, sebbene di ampiezza più contenuta rispetto ai precedenti, è il sesto consecutivo, mentre la flessione su base tendenziale (-5,7%) è la quinta consecutiva registrata dall’IPAB e accentua quella del IV trimestre del 2012, quando era stata pari a -5,2%.
La flessione congiunturale più contenuta rispetto a quella del IV trimestre 2012, quando era stata pari a -2,2%, è dovuta principalmente all’attenuazione della flessione congiunturale dei prezzi delle abitazioni esistenti (-1,1% da -3,3% registrato nel IV trimestre 2012). È invece il secondo (e il più ampio mai registrato), dopo quello del III trimestre 2012, il calo congiunturale dei prezzi delle abitazioni nuove. Per la prima volta da quando è iniziata, la flessione su base annua dei prezzi delle abitazioni è il risultato della diminuzione sia dei prezzi delle abitazioni esistenti (-7,7%) sia di quelle di nuova costruzione (-1,1%). Quello dei prezzi delle abitazioni nuove è il primo calo tendenziale da due anni a oggi, mentre la diminuzione su base annua dei prezzi delle abitazioni esistenti è la sesta consecutiva e, pur rimanendo ampia, mostra una lieve attenuazione rispetto a quella registrata nel IV trimestre 2012.

Continua a leggere l’articolo

Il catasto e la riforma

tasseTratto da Immobiliare.it

La questione è certamente aperta da lungo tempo ed anche dalla sua soluzione dipendono temi di centrale importanza per l’economia del Paese e per quella di tutti noi, stiamo parlando della riforma del Catasto che sembra ormai avere intrapreso l’iter per l’approvazione presentata da Daniele Capezzone, responsabile della Commissione, che ha portato la proposta di Legge numero 1122 dalla quale parte la risistemazione del Catasto.

Clicca qui per leggere l’articolo

Mercato immobiliare, l’ora della svolta

rilancio immobiliareTratto da Repubblica

Anche se negli anni 2000 in Italia non vi è stata una bolla immobiliare vera e propria, il settore delle costruzioni rischia non solo di condizionare la ripresa ma anche di rappresentare uno dei maggiori fattori di rischio in prospettiva. Il settore è in recessione dal 2008 e ha perso un quarto del valore degli investimenti rispetto al periodo pre-crisi e 370mila unità di lavoro. L’aggiustamento è ancora in corso: nel primo trimestre di quest’anno gli investimenti sono caduti del 3,9% sul trimestre precedente, contribuendo in misura consistente alla caduta del Pil, e l’occupazione è caduta del 4,8%.

Clicca qui per leggere l’articolo

Immobili pubblici: il piano per venderli e per abbattere il debito

Immobili pubbliciTratto da Panorama

Si fa strada nel mondo politico l’idea di una maxi-dismissione del “mattone di stato”. Le risorse ci sono, ma non mancano gli ostacoli.
Un piano molto articolato, che ha obiettivo ambizioso: raccogliere più di 200 miliardi di euro da utilizzare per la riduzione del debito pubblico. Sono queste, in sintesi le caratteristiche del programma di dismissione e valorizzazione del patrimonio immobiliare dello stato, che oggi alcune forze politiche (e in particolare il Pdl) vorrebbero mettere in cantiere in tempi relativamente brevi, cioè entro il 2015.

Clicca qui per leggere l’articolo

Immobiliare: nuovi sconti per chi ristruttura casa

bonus ristrutturazioniTratto da Wall Street Italia

Le novità dal fronte fiscale per chi vuole ristrutturare la propria abitazione e cambiare anche mobili. Da oggi il nuovo bonus. Attenzione alle scadenze degli sgravi. Chi ne ha diritto e quali interventi sono ammessi.
Scatta oggi il nuovo bonus ristrutturazioni, concepito per far riprendere i consumi.
Meno tasse da pagare per chi decide di ristrutturare casa, migliorare l’efficienza energetica e al contempo cambiare mobili. Entra in vigore da oggi (anche se sono ammesse le spese effettuate già a partire dal 26 giugno) il nuovo bonus ristrutturazioni, rafforzato dal governo rispetto alle norme in scadenza a fine giugno alla scopo di far riprendere i consumi e sostenere alcuni settori particolarmente colpiti dalla crisi.

clicca qui per leggere l’articolo

Pignoramento immobiliare, cosa cambia con il decreto “del fare”

pignoramento immobiliareTratto da Investire Oggi

Stop pignoramento prima casa se costituisce l’unico bene immobile del debitore, tranne che non sia di lusso. Ecco cosa cambia con il decreto “del fare”.
È stato recentemente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.144 del 21-6-2013 – Suppl. Ordinario n. 50 il Decreto legge 21 giugno 2013 n. 69, recante “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia”, meglio conosciuto come il c.d. decreto “del fare”, entrato così in vigore il 22 giugno 2013. Tante le novità introdotte e tra queste particolare attenzione è posta al pignoramento.

Clicca qui per leggere l’articolo

In agenzia immobiliare si attendono chiarimenti sugli obblighi per i collaboratori

Agenzie ImmobiliariTratto da Casa24

Ora dovrà prendere posizione il ministero del Lavoro, chiamato in causa dalle associazioni di categoria che rappresentano gli agenti immobiliari a definire il rapporto di collaborazione all’interno dell’agenzia: i professionisti, abilitati o no, che lavorano per conto di un’impresa di mediazione devono pagare i contributi all’ente di previdenza ed essere contrattualizzati?
Sulla domanda si sono divise le associazioni: da un lato Fimaa e Anama che hanno firmato l’interpello inviato al ministero; dall’altro Fiaip che non ha apprezzato la volontà di promuovere questa iniziativa, ritenendo che in nessun caso tali rapporti di collaborazione possano essere riconducibili ai contratti di agenzia ex articolo 1742 del Codice civile.

Clicca qui per leggere l’articolo

Economia/Mercato immobiliare: da Eire i numeri della crisi

crisi immobiliareTratto da Assesempione

Milano – Dalla rassegna Eire, Expo Italia Real Estate, sono emerse cifre che sintetizzano la crisi: costruzioni, -30% in sei anni (2008-2013), il dato peggiore da quarant’anni, completato dal -54% del settore residenziale; occupazione, -360.000 addetti, cui si aggiungono i 550.000 dell’indotto; compravendite, 440.000 nel 2012, la metà rispetto al 2008; prezzi, mediamente meno 24% sempre negli ultimi sei anni; locazioni, offerta di alloggi più 21% a fronte di una richiesta del 9,6%.

clicca qui per leggere l’articolo

Enel vende 3mila immobili per un valore di 200 milioni

Enel vendeTratto da Casa24

Diventa operativa la campagna di dismissioni immobiliari avviata da Enel, per cedere sul mercato circa 3mila edifici in tutta Italia. Sui principali quotidiani del 30 maggio, il gruppo ha annunciato con una pagina a pagamento il via alle vendite, rimandando a tutti i dettagli operativi e descrittivi sul sito www.dismissioneimmobili.it.
Casa24 Plus alcuni mesi fa aveva già anticipato l’operazione, annunciando la vendita di 2.914 immobili, di cui 625 unità residenziali.

Clicca qui per leggere l’articolo