Paterna Report 2018: cresce il franchising Frimm, e REplat è sempre primo tra gli aggregatori

Gli agenti immobiliari italiani ritrovano fiducia nel sistema franchising, mentre i sistemi “alternativi”, come gli MLS, risentono in modo inversamente proporzionale di una leggera flessione. Queste sono solo alcune delle considerazioni emerse a seguito della presentazione del consueto “Report Reti e Aggregazioni Immobiliari”, studio redatto da Gerardo Paterna, noto blogger ed esperto del settore immobiliare, che ogni anno analizza il settore riepilogando i numeri dei player che lo costituiscono.

Il 2018 conferma l’inversione di tendenza iniziata nel 2015; rispetto al 2017, i segnali sono positivi sia per crescita del numero di operatori (+2,56%) sia per incremento delle agenzie che scelgono il sistema “franchising” (+5,28%).

Nel suo Report, Paterna fa notare come il sistema franchising stia seguendo di pari passo l’andamento del mercato delle compravendite: con la ripresa definitiva dalla crisi del settore insomma, anche gli agenti immobiliare hanno ripreso a investire nelle affiliazioni. Quanto alle aggregazioni invece, secondo Paterna necessitano di “coesione di metodo”, dato che “il settore si presenta fortemente frammentato e necessita di progetti aggregativi di largo consenso per poter competere in un mercato globalizzato.

Fa eccezione, aggiungiamo noi, proprio il network legato a MLS REplat, che si attesta ancora una volta in cima alla speciale classifica dei cosiddetti “aggregatori”: con il 55% del mercato l’MLS di casa Frimm è decisamente il più utilizzato in Italia. “Crediamo che il nuovo protocollo operativo che abbiamo definito ancora meglio nel corso di questo ultimo anno, fatto di procedure trasparenti e regole pensate appositamente per snellire il lavoro dei nostri aderenti – spiega Roberto Barbato, presidente di Frimm S.p.A. – aiuterà gli agenti immobiliari a riconoscere a  REplat lo status di vero e proprio standard di lavoro”.

 

Clicca qui per visualizzare il Report Reti e Aggregazioni Immobiliari 

“Reti e Aggregazioni immobiliari 2017”: la rinascita del franchising (+8.52%), la certezza dei sistemi MLS

“Gli agenti immobiliari sono i custodi delle informazioni del bene più prezioso per gli italiani, la casa: questa l’essenza dell’intervento di Roberto Barbato, presidente di Frimm S.p.A. e MLS REplat, ospite lo scorso venerdì 17 novembre a Milano dell’evento organizzato in occasione dell’annuale presentazione del report redatto da Gerardo Paterna, “Reti e Aggregazioni  Immobiliari”. Dal palco dello spazio di coworking milanese Copernico, e in compagnia della presidente di Solo Affitti Silvia Spronelli e del presidente di RE/Max Dario Castiglia, il principale responsabile della diffusione dei sistemi Multiple Listing Service in Italia – il suo MLS REplat connette ogni giorno oltre 3.600 operatori immobiliari – ha avuto come spesso gli capita parole di incitamento nei confronti della categoria degli agenti immobiliari.

Il talk show, moderato dal padrone di casa Gerardo Paterna, ha messo in evidenza i dati più importanti emersi dallo studio appena pubblicato. Innanzitutto, come affermato dallo stesso host dell’evento, “salta agli occhi l’aumento del numero degli intermediari immobiliari, identificato in un +1.75% rispetto al 2016 (sono circa 46mila oggi, ndr); anche se più importante ancora è l’atteso aumento del numero degli affiliati a network in franchising dopo anni di caduta libera (negli anni della crisi economica il franchising in Italia ha perso circa il 35% degli esercizi): +8.52% rispetto al 2016. Oggi il 10,61 % degli agenti immobiliari presenti sul mercato è affiliato in franchising”.

“I problemi della categoria non hanno certamente a che fare con il numero dei professionisti impegnati, a mio parere”, ha detto il presidente Barbato. “Quella di agente immobiliare è una professione sempre più complessa, che affronta ogni giorno nuovi e sempre diversi competitor, e che ha bisogno quindi di aggiornarsi costantemente per tenersi al passo. In questo senso vale l’esempio degli Stati Uniti, patria dei sistemi MLS in cui ogni anno i realtors devono sostenere esami di aggiornamento. Sui numeri sono d’accordo con Dario (Castiglia, ndr), quando dice che il mercato è selettivo: alla fine chi fa del suo lavoro un’opera d’arte, chi non improvvisa, è sicuro di stagliarsi tra la folla. A maggior ragione perché come agenti immobiliari trattiamo il bene più prezioso per gli italiani, la casa”.

Paterna si sofferma quindi sulla relazione tra il numero di compravendite e il numero di affiliazioni in franchising negli ultimi anni in Italia, facendo notare una indicativa simbiosi tra i due trend: all’aumentare del primo, in particolare dagli anni della crisi in poi, corrisponde infatti un incremento del secondo. “La forza di franchisor sta nell’anticipare le tendenze del mercato e dotare i suoi affiliati di servizi che gli consentano di superare i periodi di flessione del mercato in modo virtuoso”, ha detto Silvia Spronelli, “un po’ come è accaduto con Solo Affitti quando abbiamo scelto MLS REplat come partner qualche anno fa, un sodalizio proficuo e ancora in essere”.

“L’MLS è lo strumento anti-crisi per eccellenza, essendo stato sdoganato negli Stati Uniti proprio dopo il 1929. Non mi sorprende quindi che proprio negli anni della recente recessione i sistemi MLS si siano rafforzati – prosegue Barbato – così come non mi sorprenderei se andassimo a guardare il numero di agenzie in franchising che durante la crisi hanno dovuto abbassare la saracinesca. Sono certo che scopriremmo che sono meno di quelle indipendenti. Del resto, se è vero che nessuno è al sicuro quando si passa da 840mila compravendite all’anno ad appena 400mila, è anche vero che l’organizzazione di un franchisor strutturato, la forza del suo brand e la capacità di prevedere il cambiamento grazie all’adozione di strumenti innovativi come il Multiple Listing Service, aiuta i piccoli imprenditori a superare i momenti più difficili. Passata la crisi, altre sfide stanno già arrivando per chi fa il nostro mestiere: pensate ai nuovi competitor, alle banche o a colossi come Amazon o Facebook. Tutti vogliono fare il nostro mestiere, forse perché è la professione migliore che c’è!”.

Nell’analisi dei dati del Report 2017, poi, emerge anche una piccola fetta di nuove microreti che sarebbero la principale causa della flessione del colosso MLS REplat (stabile appena sotto il 9% della quota mercato nazionale) sul mercato dei software per la condivisione immobiliare, seppur questi piccoli network, evidenzia Gerardo Paterna, “siano spesso vincolati a territori ristretti o a realtà comunque non di respiro nazionali e seppur MLS REplat nel 2017 non ancora concluso abbia prodotto oltre 7mila collaborazioni immobiliari per un totale di quasi 65 milioni di euro di provvigioni”. “La fiducia tra colleghi è la chiave per il successo dell’MLS”, risponde Roberto Barbato, “ma nel nostro settore in Italia veniamo da decenni in cui ci è stato insegnato a diffidare del collega, a pensare che fosse il nemico. La collaborazione è un modo di pensare prima di tutto, la coesione tra agenti immobiliari ne è la naturale conseguenza. L’MLS è un prodotto nato sulla carta alla fine del 1800 negli Stati Uniti. Noi l’abbiamo portato in Italia appena diciassette anni fa. Diamogli tempo, e crescerà per affrontare tutte le sfide che verranno”.

Anche nel 2016 MLS REplat è il più diffuso sistema di condivisione immobiliare in Italia

Complice l’inevitabile digitalizzazione dei servizi immobiliari, i sistemi MLS che consentono la condivisione dei portafogli immobiliari si stanno diffondendo a macchia d’olio in Italia negli ultimi anni: è proprio su questo che si fonda lo studio del noto blogger, agente immobiliare e vicepresidente dell’OID (Osservatorio Immobiliare Digitale) Gerardo Paterna “Reti e Aggregazioni Immobiliari 2016”, pubblicato in anteprima da Il Sole 24Ore e disponibile anche a questo indirizzo.

Lo studio prende in esame di anno in anno i diversi tipi di aggregazione immobiliare, dal franchising tradizionale ai più innovativi network MLS. Il più diffuso di questi ultimi è anche per il 2016 quello di agenzie connesse a MLS REplat: tra le agenzie che scelgono di lavorare su sistemi MLS in Italia infatti, 6 su 10 sono connesse a MLS REplat, il Multiple Listing Service ideato da Frimm nel 2000. Secondo i numeri presi in esame da Paterna infatti, il software arancione è risultato detenere una fetta piuttosto consistente del mercato degli aggregatori, pari al 58,27% del totale. Un dato che unito ai numeri recentemente forniti dall’azienda presieduta da Roberto Barbato (la quota mercato di MLS REplat nel 2016 ha raggiunto l’8,1% del totale delle agenzie immobiliari italiane), e alla seconda vittoria consecutiva del premio di miglior MLS ottenuta ai Real Estate Awards 2016 rafforza sul mercato e ancor più nella percezione del prodotto degli operatori immobiliari e della clientela la posizione della piattaforma MLS più diffuso in Italia.

Clicca qui per scaricare lo studio Reti e Aggregazioni Immobiliari 2016

MLS REplat a Real Estate TV: “I sistemi MLS determinano uno standard di lavoro”

Giuliano Tito, responsabile per la Lombardia di Frimm e MLS REplat, ospite di REtv con Gerardo Paterna e Diego CaponigroNel consueto appuntamento con il contenitore Real Estate Television, l’host Diego Caponigro ha avuto come ospiti Giuliano Tito, responsabile dello sviluppo per MLS REplat in Lombardia, e Gerardo Paterna, esperto di mercato immobiliare e autore del report annuale “Reti e aggregazioni immobiliari 2015”.

Proprio la nuova frontiera dell’aggregazione tra agenzie immobiliari, che trova la sua massima espressione nei network Multiple Listing Service (MLS REplat è il più diffuso in Italia, con quasi il 60% delle agenzie connesse tra quelle che utilizzano sistemi simili), è stato il principale argomento di dibattito della puntata.

“Raccolgo dati dal 2001 circa, e da 4 anni pubblico annualmente il Report – ha spiegato Paterna – e in questo periodo di tempo ho potuto constatare quanto sia cambiato il mercato degli aggregatori. Nel 1997 c’erano circa settanta marchi che proponevano il franchising, con le formule più disparate, poi dopo poco si è scesi a quaranta, e poi sono rimasti i gruppi più forti. Nel frattempo crescevano gli aggregatori”.

A Paterna ha fatto eco Tito, rappresentante di un gruppo, Frimm, che ha fatto in quasi sedici anni di storia esattamente quel passaggio: da azienda che proponeva un prodotto per il franchising a leader in Italia come provider di una piattaforma MLS, REplat appunto.

“Frimm nel 2000 già proponeva un franchising molto “light”, che già allora assecondava la collaborazione tra agenti, parola questa che però al tempo spaventava molto gli operatori. Da circa tre anni Frimm ha spostato completamente l’attenzione sull’esigenza del cliente invece, consegnandogli un sistema MLS moderno e trasversale – perché prescinde dall’affiliazione – e anche un brand forte e consolidato come Frimm”.

Reti e aggregazioni immobiliari 2015: 6 agenzie su 10 scelgono MLS REplat

Reti e aggregazioni immobiliari 2015Tra le agenzie che scelgono di lavorare su sistemi MLS in Italia, 6 su 10 sono connesse a MLS REplat. È quanto emerge dall’annuale report redatto da Gerardo Paterna, noto consulente e blogger del mercato immobiliare nostrano, pubblicato pochi giorni fa e ripreso in parte anche dal quotidiano Il Sole 24 Ore. Lo studio prende in esame i numeri dei gruppi immobiliari italiani (franchising) e anche quelli delle realtà più “postmoderne” per così dire, quali appunto i sistemi Multiple Listing Service, quelli che consentono cioè alle agenzie immobiliari di collaborare grazie alla condivisione dei portafogli immobiliari.

Il primo – il più diffuso – di questi sistemi è MLS REplat, l’MLS ideato da Frimm nel 2000. Secondo i numeri presi in esame da Paterna infatti, il software arancione è risultato detenere una fetta piuttosto consistente del mercato degli aggregatori, pari al 59,28% del totale (trovate il dato a pag. 11 del report).

Un dato che unito ai numeri recentemente forniti dall’azienda presieduta da Roberto Barbato (la quota mercato di MLS REplat nel 2015 ha raggiunto il 7,2% del totale delle agenzie immobiliari italiane), e alla vittoria del premio di miglior MLS ottenuta ai Real Estate Awards 2015 rafforza sul mercato e ancor più nella percezione del prodotto degli operatori immobiliari e della clientela la posizione della piattaforma MLS più diffuso in Italia.

A questo link è possibile consultare e scaricare la versione integrale del report.