Nexus, partner di Frimm, si classifica prima tra le reti mutui in Italia

Accordo Frimm/MLS REplat - NexusLa società creditizia premiata il 3 dicembre a Milano ai Leadership Forum Awards

Lo scorso 3 dicembre Nexus Family Financial Services, società di mediazione creditizia che già da maggio 2013 ha un accordo di partnership con Frimm Holding, è stata premiata come prima rete mutui in tutta Italia durante la cerimonia dei Leadership Forum Awards tenutasi presso il salone delle feste all’Hotel Principe di Savoia di Milano.

Nexus è una delle prime società italiane di mediazione creditizia specializzata in mutui per la casa e nei prodotti di credito per la famiglia. Il fulcro della sinergia tra Nexus e Frimm Holding è l’attività di pre-qualifica da attuare nella fase iniziale del processo di acquisizione del cliente. In questo modo l’agente immobiliare può concentrare le proprie risorse e il proprio focus sui clienti che avranno le caratteristiche necessarie perché si finalizzi la compravendita, ottimizzando in questo modo la propria attività. Oggi l’agente immobiliare e il consulente creditizio costituiscono un fondamentale supporto per guidare il cliente e nell’essere una reale garanzia della scelta del miglior prodotto immobiliare e del più corretto strumento finanziario, per finalizzare un acquisto consapevole, sereno e sostenibile nel tempo.

Il premio Leadership Forum, lanciato nel 2011, premia ogni anno oltre 40 rappresentanti del settore della consulenza creditizia. Il Leadership si pone l’obiettivo di seguire l’evoluzione del mercato della consulenza creditizia in cui la maggior parte degli operatori hanno scelto la diversificazione del business. I Leadership Forum Awards sono basati su un sistema di votazioni online i cui risultati sono verificati e valutati da una giuria qualificata.

Clicca qui e scopri tutti i vantaggi dell’accordo per agenzie immobiliari tra Frimm/MLS REplat e Nexus

Clicca qui per scaricare l’articolo che presenta l’accordo per agenzie immobiliari tra Frimm/MLS REplat e Nexus

Fare carriera nell’immobiliare: Frimm cerca giovani manager in tutta Italia

Carriera nell'immobiliare: Frimm cerca giovani in tutta ItaliaL’azienda presieduta da Roberto Barbato a caccia di imprenditori per oltre 40 posizioni in tutta la Penisola

Frimm, azienda di servizi per agenzie immobiliari leader in tutta Italia, cerca giovani imprenditori per la posizione di Master di provincia.

Il professionista scelto dovrà occuparsi dello sviluppo e della gestione di una data area attraverso la presentazione dei prodotti e dei servizi di Frimm e in particolare di MLS REplat (il software per la condivisione immobiliare creato da Frimm) alle agenzie immobiliari del territorio di competenza. Una fase successiva sarà evidentemente dedicata al mantenimento del network costituito, attraverso consulenza, formazione e aggiornamento, sempre in accordo con le linee guida della casa madre e ovviamente con quanto il mercato avrà da suggerire. Infine, il Master di provincia dovrà interessarsi del recruiting e della successiva crescita di una squadra di propri venditori, il cui obiettivo sarà, naturalmente, la gestione e lo sviluppo ulteriore della rete di agenzie.

Grazie alla trasversalità della piattaforma MLS REplat – concepita e sviluppata a prescindere dall’appartenenza a questo o quel network  – il Master di provincia avrà libertà di rivolgersi a qualsiasi tipo di agenzia immobiliare: indipendente, legata ad Associazioni di categoria e appartenente ad altri network in franchising.

Il posto viene offerto a giovani tra i 22 e i 35 anni con precedenti esperienze nel settore immobiliare e/o nella gestione di aree commerciali, con forte attitudine nei rapporti interpersonali e nella gestione amministrativa e d’impresa.

Frimm a proprie spese affiancherà ai candidati selezionati un pool di professionisti che per un mese formerà i nuovi Master di provincia sull’attività commerciale e di consulenza presso la Direzione generale di Frimm a Roma.

Il mattone sta guarendo: lo dicono gli agenti immobiliari, lo conferma Standard & Poor’s

ripresa mercato immobiliareSi sta finalmente arrestando la caduta dei prezzi nella compravendita immobiliare. Se non bastasse quanto detto nelle scorse settimane della stessa Agenzia delle Entrate, arrivano le agenzie di rating a far ben sperare: i prezzi del mercato immobiliare in Italia sono calati del 5% quest’anno, scenderanno ancora del 2% nel 2014 per poi stabilizzarsi nel 2015. Questo il parere di Standard & Poor’s, dato espresso in un rapporto sull’andamento del real estate in Europa. Se la Germania è più avanti in questa corsa alla ripresa, la Spagna tra le nazioni europee è quella che fatica di più. L’Italia? Nel mezzo. «I prezzi delle case e il volume delle operazioni si stanno erodendo ma ci sono dei segnali di rallentamento di tale ritmo», fa sapere l’agenzia di rating con base a New York.

Anche per l’agenzia Moody’s del resto – che ha pubblicato ieri 12 novembre dati relativi al Pil nazionale – è imminente un ritorno della crescita in Italia dopo due anni di recessione, in un clima globale che si definisce «meno incerto». L’agenzia prevede per l’Italia un Pil 2013 fra -2 e -1% (tre mesi fa era fra -2,5% e -1,5%) e fra zero e +1% nel 2014 (era -0,5% e +0,5%).

A rafforzare quanto detto dalle agenzie di rating arrivano i dati raccolti sul territorio da Fiups (acronimo di FederImmobiliare, Università degli studi di Parma e Sorgente Group Spa), che ha presentato lo scorso 11 ottobre l’indagine sul “Sentiment del settore immobiliare” relativo al secondo quadrimestre 2013. L’indice Fiups, confezionato sulla base di interviste fatte agli operatori immobiliari nell’arco di due anni, è salito in questo periodo dal 17,67 al 18,56 (l’indice riporta graficamente la sintesi del cosiddetto “sentiment” degli intervistati): ciò è dovuto, in larga parte, a tempi medi di vendita più brevi e a una diminuzione dello sconto medio praticato dal venditore rispetto al passato.

Da ora disponibili, su Agenzia delle Entrate, le quotazioni immobiliari del I° semestre 2013

quotazioni immobiliari  2013Dallo scorso 15 ottobre sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono state pubblicate le quotazioni immobiliari dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare riferite al primo semestre 2013 per tutti i comuni italiani.

Tali valori sono:
– di ausilio alla stima effettuata da tecnici professionisti;
– sono riferiti all’ordinarietà degli immobili e allo stato conservativo prevalente nella zona omogenea.

La stima effettuata da un tecnico professionista è l’unica in grado di descrivere al meglio un’immobile e di motivare il valore attribuito ad esso: per approfondimenti andare alla pagina Metodologie e processi OMI. Si consiglia, inoltre, di approfondire la Guida alla consultazione delle quotazioni OMI – pdf.

Tra gli strumenti a disposizione per ottenere valutazioni professionali sugli immobili, Frimm offre ai clienti il ValuCasa, software online gratuito che dà le valutazioni fatte dagli agenti immobiliari per via e numero civico in tutta Italia.

Per utilizzare i dati consultati è necessario indicare la fonte: “Agenzia Entrate – OMI”. Si possono usufruire le quotazioni gratuitamente partendo dal I° semestre del 2012 ed arrivare al I° semestre del 2013.

Inoltre, l’Agenzia delle Entrate precisa in una nota che:

– “Nel 1° semestre 2013,resta sospesa la rilevazione del mercato immobiliare nei comuni di Mirabello e Sant’Agostino in provincia di Ferrara e nei comuni di Bomporto, Camposanto, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Ravarino, San Felice sul Panaro, San Prospero, San Possidonio, Soliera in provincia di Modena, in quanto il mercato immobiliare risulta ancora particolarmente condizionato dagli effetti degli eventi sismici in Emilia Romagna del 20 e 29 maggio 2012”.

Ed ancora:

– “Resta anche sospesa la rilevazione del mercato immobiliare nelle zone centrali B1 e B2 di L’Aquila e nelle zone centrali (B1 e B2) dei comuni di Castelvecchio Subequo, Fagnano Alto, Fossa, Goriano Sicoli, Lucoli, Navelli, Ocre, Poggio Picenze, San Pio delle Camere, Sant’Eusanio Forconese, Tione degli Abruzzi e Villa Sant’Angelo, in cui il mercato immobiliare è ancora sensibilmente condizionato dagli effetti del sisma in Abruzzo del 6 aprile 2009”.

Tratto da Agenzia delle Entrate

La ricetta dei “covered bond” può aiutare l’immobiliare

mercato immobiliare In diversi Paesi europei il settore e la finanza immobiliare godono di ottima salute: non solo per il minor rischio-paese percepito dagli investitori rispetto a quello italiano, ma almeno per altre tre ragioni.
In primo luogo, in altri stati UE le compagnie di assicurazione stanno finanziando direttamente il settore immobiliare senza incontrare le resistenze che la normativa italiana oppone al loro ingresso.

In secondo luogo, alcune banche europee sono riuscite a sconfiggere il senso di sfiducia verso e tra le banche – che in Italia, di fatto, blocca la provvista sul mercato interbancario – utilizzando strumenti che riducono ai minimi termini sia il “rischio banca”, sia i passaggi tra gli investitori e l’oggetto reale dei loro investimenti.

In Germania le banche, infatti, continuano a utilizzare con successo come provvista per le operazioni di finanziamento immobiliare le Pfandbriefe, il più antico esempio di cartella fondiaria (il meccanismo fu perfezionato nel 1770 nella regione della slesia a seguito di una gravissima crisi determinata dal primo conflitto globale, la guerra dei sette anni).

Anche in Italia, dall’inizio del secolo scorso e sino alla metà degli anni settanta avevamo le nostre Pfdandbriefe: si tratta delle “cartelle fondiarie”…

Tratto da il Sole24 0re

clicca per leggere l’articolo

Per le case di lusso non c’è crisi

Immobiliare in crescita per case di lussoRoma – Mercato degli immobili di lusso in controtendenza in Italia rispetto alla crisi generalizzata del settore immobiliare e grazie, in particolare, allo shopping che arriva dall’estero. È quanto emerge da uno studio dello studio condotto da immobiliare.it secondo il quale dal 2009, la quota di potenziali acquirenti provenienti dall’estero è cresciuta del 23% ed oggi l’11% di chi cerca un immobile di prestigio in Italia non è residente nel nostro paese. Inoltre secondo lo studio, in corrispondenza con l’entrata in vigore dello scudo fiscale italiano, il mercato degli immobili ha registrato una vera e propria impennata, con un aumento nelle ricerche pari a +28% nel primo trimestre del 2010.

Tratto da il secolo xix

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Immobiliare: potrebbe essere il miglior momento per comprare

LondraCrollo dei prezzi a Londra. In Italia per abitazioni e uffici deprezzamento del 10,5%. Calo transazioni nel residenziale del 5,3% nel 2012. Mercato indietro di 30 anni agli anni 90.

Roma – Crollano i prezzi delle case a Londra, mentre in Italia appartamenti e uffici hanno subito una svalutazione del 10,5%. Allo stesso tempo in usa c’è chi sostiene che il valore delle abitazioni abbia raggiunto quel punto più basso (“bottom”) che renderebbe il momento attuale il più propizio per acquistare una casa.

Tratto da Wall Street Italia

Clicca qui per leggere l’articolo completo

L’Immobiliare.com sceglie MLS REplat per le sue agenzie

MLS REplatAccordo con lo storico marchio della famiglia Grimaldi, attivo sul mercato dal 1965

REplat s.p.a, azienda che dal 2004 propone il sistema Multiple Listing Service (MLS REplat) alle agenzie immobiliari, ha stretto un accordo di partnership con il network l’Immobiliare.com, nuova declinazione dello storico marchio della famiglia Grimaldi che dal 1965 è impegnata con le proprie attività nel fornire ai propri clienti un servizio di intermediazione immobiliare di qualità che è stato ed è sinonimo di serietà e trasparenza. Obiettivo dell’accordo: dotare di piattaforma MLS i punti vendita del network.

Il primo step previsto dall’accordo firmato da Gianluca Aiello, area manager di Frimm Holding e da Jacopo Grimaldi, procuratore di l’immobiliare.com, è quello di dotare di MLS REplat 4 fra le più prestigiose agenzie a marchio l’immobiliare.com, tutte situate nei centri storici di Milano, Roma e Torino. Nei prossimi giorni verranno consegnate le credenziali di accesso al portale della collaborazione immobiliare tutelata ai titolari di questi punti vendita e saranno organizzati i primi corsi di formazione start-up che illustreranno le principali funzioni del Multiple Listing Service agli operatori.

“Poter lavorare con un marchio di grande prestigio e valore storico come l’immobiliare, da quasi 50 anni simbolo della compravendita immobiliare di alta qualità, è per noi motivo di grande orgoglio”, dice Gianluca Aiello, professionista con ventennale esperienza nella gestione dei network immobiliari in Italia e all’estero.

“Tempi e modi della compravendita immobiliare sono ormai cambiati – aggiunge Aiello – e se al momento di rinnovarsi e di riproporsi sul mercato, un marchio storico del mattone come quello della famiglia Grimaldi sceglie di farlo al fianco di MLS REplat, è il segnale di come il nostro MLS sia diventato uno standard sul mercato per la condivisione dei portafogli”.

Nei piani delle due aziende c’è il desiderio di far durare nel tempo questa partnership. “È chiaro che per noi è essenziale poter offrire ai nostri aderenti gli strumenti più innovativi per la gestione del proprio business: la chiusura di questo accordo con MLS REplat è di grande importanza strategica perché sancisce un’alleanza con il multiple listing service che ha più aderenti ed esperienza sul mercato italiano”, sottolinea Grimaldi.

“L’obiettivo a medio – lungo termine di questa partnership, conclude l’ing. Jacopo Grimaldi, è quello di estendere l’utilizzo dell’MLS REplat a tutta la rete degli aderenti a l’immobiliare.com, oggi presente in tutta Italia con 50 agenzie, per dotare tutti di uno strumento di alta qualità per collaborare nella compravendita, anche in relazione al piano di selezione di 200 altri operatori, che stiamo implementando, nelle principali località italiane.

————————

Sin dal 1965 la famiglia Grimaldi è impegnata con le proprie attività nel fornire ai propri clienti un servizio di intermediazione immobiliare di qualità, che è stato ed è sinonimo di serietà e trasparenza. Dapprima con il proprio network di agenzie di proprietà (sino al 1980 con marchio l’immobiliare), quindi affiancandovi il network in Franchising recante il proprio nome. Con il 2011 per proseguire il cammino intrapreso decine di anni fa, torna alla luce il brand originario, aggiornato e allineato ai tempi moderni. Cambia il marchio ma la struttura, le persone, la professionalità, non cambiano perché sono le persone che fanno grande un marchio. L’Immobiliare.com possiede dunque tutto il capitale di valori e di competenze della famiglia Grimaldi, perciò nasce già forte di proprie tradizioni e di un proprio modello operativo, oltre ad essere già radicato sul territorio nazionale grazie alla presenza di affermati professionisti. L’Immobiliare.com ritorna con l’ambizione di mantenere saldo il proprio legame con il passato, ma con uno sguardo lungimirante verso il futuro dei servizi immobiliari, sempre più orientati ai concetti di qualità e di soddisfazione del cliente. Oggi il network l’immobiliare.com è presente con 50 agenzie nelle principali regioni italiane.

In coppia la casa costa 8 anni di stipendio

Mercato ImmobiliareCrollo, discesa sostenuta o lento calo? Quale sarà il futuro del mattone in un contesto che oggi sconta i timori dell’uscita della Grecia dal l’euro e una crisi economica che sembra solo peggiorare?
Lo scenario resta di crisi e gli uffici/studi che si occupano del settore iniziano ad estendere il periodo di contrazione fino a tutto il 2014. Chi vuole acquistare casa, prima o seconda che sia, cerca oggi di capire se il “fedele” mattone potrà mantenere il valore del capitale nel tempo. Con un’analisi che scenari immobiliari ha elaborato per Casa24 Plus abbiamo scelto di esaminare come negli anni si è evoluto il rapporto tra lo stipendio percepito e il costo delle abitazioni.
Se il reddito netto di una coppia di lavoratori dipendenti nel 2011 era di 38.700 euro, occorrono 8 anni di stipendi cumulati per acquistare l’abitazione rispetto alle 6,9 annualità necessarie nel 1970.

Tratto da Il Sole24 Ore.com

Clicca qui per leggere l’articolo per intero

Certificati energetici, è record in Lombardia

Certificazione Energetica (ACE)Nel periodo che va da settembre 2007 ad oggi in Lombardia sono stati registrati nel catasto energetico oltre 774.000 attestati di Certificazione Energetica (ACE), cioè più della metà dei certificati energetici registrati complessivamente in Italia.

E’ quanto emerge dalla ricerca su “efficienza e qualità energetica: i dati del patrimonio edilizio certificato”…

Tratto da Casa&Clima

Clicca qui per leggere l’articolo.

A gennaio tassi su mutui per case in crescita al 4,55%

MutuiRallenta la concessione dei prestiti ai privati in Italia. Secondo i dati diffusi da Bankitalia a gennaio il tasso di crescita sui dodici mesi dei prestiti al settore privato, corretto per tener conto delle cartolarizzazioni cancellate dai bilanci bancari, è diminuito all’1,6% dal 2,3 di dicembre 2011. Il rallentamento è spiegato principalmente dalla diminuzione del tasso di crescita dei prestiti alle società non finanziarie (1,3% dal 2,6 di dicembre), mentre il tasso di crescita dei prestiti alle famiglie flette in misura inferiore (3,1% dal 3,4). In aumento i tassi di interesse sui mutui per le case che sono arrivati al 4,55% rispetto al 4,27% di dicembre 2011.

Netta frenata, nel primo mese del 2012, anche per i prestiti delle banche alle imprese. Il tasso di crescita…

Tratto da Repubblica.it

Clicca qui per leggere l’articolo.