Pomezia: il mercato immobiliare in fermento ne fa il principale polo attrattivo dell’area Pontina

Nonostante i prezzi apparentemente meno convenienti rispetto Aprilia e Anzio, la cittadina offre maggiore vivibilità e servizi: il 70% della domanda immobiliare deriva da romani che preferiscono Pomezia ai quartieri fuori dal G.R.A.

Unico neo: i collegamenti con Roma

Il settore industriale, soprattutto quello della produzione farmaceutica, la presenza dei centri commerciali e le convenienti alternative immobiliari hanno fatto salire la popolazione di Pomezia di circa 20.000 unità in 10 anni

Frimm punta su single e giovani coppie che desiderano tranquillità e risparmio senza rinunciare all’attrattiva della Capitale per piazzare parte del complesso “Parco della Minerva” che, con 1250 unità abitative in costruzione a Pomezia, diventerà un vero e proprio nuovo quartiere a 20 km da Roma

Pomezia è il principale polo attrattivo dell’Area Pontina grazie alla vivacità del mercato immobiliare locale. Ecco il primo dato interessante dell’analisi effettuata sulla base dei dati estrapolati dal Multiple Listing Service (MLS) REplat per conto di Frimm che recentemente ha ottenuto dal fondo Raetia SGR l’incarico di mediazione per una parte di “Parco della Minerva”, complesso in costruzione a Pomezia che, con le sue 1250 unità abitative, diventerà un vero e proprio nuovo quartiere alle porte della Capitale.

Nonostante i prezzi meno convenienti rispetto a valide alternative come Aprilia e Anzio – insieme a Pomezia sono i 3 più popolosi comuni del Lazio a Sud di Roma – e a dispetto dei non eccellenti collegamenti con la Capitale, la popolazione di Pomezia è cresciuta di circa 20.000 unità tra il 2001 e il 2009 (da 43.960 a 60.870 abitanti; fonte: Istat) e il 70% della domanda immobiliare registrata sul MLS REplat nel 2010 proviene da romani che preferiscono la cittadina in provincia ai quartieri fuori dal G.R.A. E il perché è facile da intuire: Pomezia dista appena 20 km da Roma e circa 5 dal litorale di Torvaianica, il prezzo al metro quadro è ovviamente minore rispetto alle abitazioni capitoline e offre non soltanto una migliore vivibilità urbana ma anche servizi e, spesso, posto di lavoro a portata di mano.

Il settore industriale, sviluppatosi grazie alle politiche statali legate alla ex-Cassa per il Mezzogiorno nei settori della trasformazione dei prodotti agro alimentari, della plastica, dell’elettronica e soprattutto in quello farmaceutico e medico con importanti aziende, ha continuamente creato nuovi posti di lavoro trainando con sé l’attività edilizia che spinta dal forte flusso immigratorio non si è mai fermata. Peso simile, e sempre più rilevante, dal punto di vista occupazionale ha il terziario grazie alla presenza di grandi centri commerciali.

“I prezzi tendenzialmente più alti e l’aumento degli stessi a Pomezia sono dovuti proprio alla vicinanza con Roma e e il miglior rapporto prezzo/metro quadro fa sì che il mercato locale venga per lo più movimentato da trilocali e bilocali, meglio ancora se con ampio terrazzo o giardino”, spiega Roberto Barbato, presidente di Frimm Holding. “L’indice dei prezzi mostra bene questa tendenza (nel 2010 il costo dei monolocali è sceso del -5,69% mentre bilo e trilo sono cresciuti rispettivamente del 2,13% e del 4,23; ndr) e sottolinea la discreta performance che i tagli più grandi hanno messo a segno lo scorso anno”

A fare le spese di questa situazione è soprattutto Aprilia (LT) che paga la maggior distanza da Roma e la posizione geografica lontana dal mare. Anzio infatti ha goduto di un notevole aumento dei prezzi per le grandi metrature, anche più alto di Pomezia dai trilocali in su. “Ma ad Anzio si tratta soprattutto di seconde case – precisa Barbato – mentre a Pomezia le persone vanno ad abitare tutto l’anno. Da una piccola indagine svolta su un campione di agenzie appartenenti al nostro network, poi, abbiamo verificato che sono stati principalmente single e giovani coppie a prendere casa – soprattutto trilocali – nella cittadina laziale nel corso dell’ultimo anno. Per questo punteremo soprattutto su queste tipologie di acquirente per piazzare gli immobili del Parco della Minerva”.

Scarica il comunicato stampa con l’indagine completa di grafici e tabelle.

Pomezia (RM): Open House al Parco della Minerva

Visita libera di 250 immobili. Martedì 15 febbraio, ore 10-16.30

Ancora un Open House per Frimm. Dopo il gran successo riscosso a Venaria Reale (TO) – 80 agenzie immobiliari presenti – l’azienda guidata dal presidente Barbato torna in pista per un nuovo Open House, quello speciale evento che permette di visitare liberamente degli immobili in vendita.

Questa volta l’appuntamento è dalle ore 10 alle ore 16.30 di martedì 15 febbraio a Pomezia (RM), dove Frimm ha in incarico al vendita di 250 appartamenti del complesso Parco della Minerva (via Luigi Einaudi), quartiere modello in posizione panoramica tra i Castelli Romani e il mare, a soli 20 km dalla Capitale.

A metà mattinata è previsto un coffee break che vedrà la partecipazione della proprietà e dei tecnici coinvolti nel progetto.

Cliccare qui per visionare i dettagli sul Parco della Minerva di Pomezia.